"scarta la tua memoria, scarta il tempo futuro del tuo desiderio; dimenticati entrambi, in modo da lasciare spazio ad una nuova idea. Forse sta fluttuando nella stanza in cerca di dimora, un pensiero, un'idea che nessuno reclama..." Bion

NELLA GAZZETTA UFFICIALE :BANDO PER INSEGNANTI


In Gazzetta Ufficiale il concorso per diventare professori, il primo dal 1999. Tre prove per 11.542 posti e 30 giorni per presentare la domanda. I primi vincitori saranno immessi in ruolo dal prossimo anno scolastico. Molte le proteste dal mondo degli insegnanti precari.




ROMA - Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando del concorso per diventare insegnanti, il primo dal 1999. I partecipanti al "concorsone" si contenderanno 11.542 posti per le scuole di ogni ordine e grado: 7.351 per l'anno scolastico 2013-2014 e 4.191 per il 2014-2015. Circa un terzo dei neoassunti (3.500 docenti) entreranno nella scuola primaria, 2.400 conquisteranno una cattedra in 'ambito lettere' alle superiori, 1.400 approderanno nella scuola dell'infanzia e un migliaio di posti sono destinati al "sostegno". Il costo del concorso pubblico, tra procedure e commissioni, è di circa un milione di euro.

DOMANDE E CANDIDATI. La presentazione della domanda, possibile per il candidato in una sola Regione, avverrà esclusivamente on line e andrà inoltrata entro i prossimi 30 giorni. Possono partecipare gli abilitati, ma sono previste alcune deroghe: per candidati in possesso di titoli di studio conseguiti negli istituti magistrali per scuola dell'infanzia e primaria e per diplomati presso accademie di belle arti e conservatori per la secondarie di primo e secondo grado, fra le altre.

LA PRIMA PROVA. Le prove da superare sono tre: una preselezione che dovrebbe tenersi a dicembre, a carattere nazionale. Dal proprio computer e ognuno dotato di una propria password, i candidati dovranno rispondere a 50 quesiti a scelta multipla in 50 minuti. Di questi, 7 riguarderanno l'informatica, 7 la lingua e 36 serviranno a sondare le capacità logico-deduttive. Ogni candidato avrà una serie diversa di domande. Il punteggio minimo per essere ammessi alle prove successive sarà di 35.

LE ALTRE PROVE. La seconda prova, scritta, dovrebbe svolgersi a gennaio e consistere in una serie di quesiti a risposta aperta, tranne per i candidati per la scuola primaria, per i quali è previsto anche l'accertamento della conoscenza dell'inglese, e per i candidati all'insegnamento di discipline scientifiche e tecnico-pratiche, per i quali invece è prevista anche una prova di laboratorio. Entro l'estate l'ultimo step, la prova orale: avrà per oggetto le discipline di insegnamento comprese nella classe di concorso e sarà costituita da una lezione simulata, della durata massima di 30 minuti, su un argomento estratto dal candidato 24 ore prima e da un colloquio.

PROTESTE DAL PRECARIATO. Non sono mancate le polemiche: sabato scorso insegnanti precari provenienti da diverse regioni hanno sfilatoa Roma per protestare contro quello che ritengono un''concorso-truffa'', con il sostegno dei sindacati di base e dialcune forze politiche. 

Follow by Email

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

traslate in english